Un senso del futuro

Un senso del futuro, Jacob Bronowski - Edizioni di Comunità

Jacob Bronowski
UN SENSO DEL FUTURO


DNA

13,5×20,5cm, pp. 176
ottobre 2015
€ 15,00

 

Acquista online a € 11,20 (sconto speciale del 25%)

Disponibile in formato eBook a € 7,99

 


Viviamo in un mondo che dipende sempre più dalla scienza e dalla tecnologia, ma a indicare il senso del nostro futuro non può essere solamente una ristretta élite di specialisti che dibattono tra loro: la scienza dovrebbe essere una disciplina accogliente, comprensibile e inclusiva. Non è un caso che a sostenere questa tesi sia Jacob Bronowski, uno tra gli scienziati più autorevoli e conosciuti del secolo scorso, le cui abilità divulgative eccentriche e fuori dagli schemi furono addirittura omaggiate dai mitici Monty Python nei loro spettacoli. A Bronowski non interessa fare predizioni rosee o apocalittiche sul futuro dell’umanità. La sua attenzione si concentra invece sulla necessità di riappropriarsi di un senso del futuro realistico e consapevole, riscoprendo quella curiosità potente e vitale, poco specialistica e molto umana, che rappresenta il fondamento di tutte le scienze, e dove si nasconde un senso morale profondo. Ed è proprio a questa moralità della scienza, più che alle scoperte scientifiche in sé, che l’umanità oggi può pensare di affidare il proprio futuro.

JACOB BRONOWSKI (1908–1974) è stato un grande scienziato, un matematico, un filosofo e un letterato di origine polacca. All’inizio degli anni Settanta ideò e condusse per la BBC la popolare serie di documentari The Ascent of Man, uno dei primi programmi di divulgazione scientifica del mondo. La sua erudizione e il suo stile vivace e coinvolgente lo resero un personaggio televisivo molto amato, mentre il suo lavoro accademico e i suoi scritti teorici sono apprezzati ancora oggi per la loro grande attualità. Edizioni di Comunità pubblica anche il suo “L’identità dell’uomo”.

Scorri l'anteprima del libro


Autori del patrimonio genetico delle Edizioni di Comunità, libri intrecciati tra loro in nuovi fili che generano, alla luce del tempo presente, un’eredità umanistica e scientifica che è prima di tutto uno sguardo indisciplinato sull’uomo.