Pubblicazioni

  • Riflettere sulla dimensione politica collettiva e individuale di ogni cittadino è un’esigenza sempre viva in tutte le epoche, ma particolarmente urgente quando i nuovi problemi del presente mettono in discussione i fondamenti della democrazia, evidenziandone i punti critici. Il patto sociale su cui è costruita...<em>DNA, ottobre 2018</em>

    Obbedienza e resistenza

    Riflettere sulla dimensione politica collettiva e individuale di ogni cittadino è un’esigenza sempre viva in tutte le epoche, ma particolarmente urgente quando i nuovi problemi del presente mettono in discussione i fondamenti della democrazia, evidenziandone i punti critici. Il patto sociale su cui è costruita...DNA, ottobre 2018

    Continua...

  • Il 17 maggio 1953 Alcide De Gasperi inaugura a Matera il borgo La Martella, il progetto urbanistico promosso da Adriano Olivetti per risolvere l’emergenza dei Sassi, definita solo tre anni prima la “vergogna nazionale”. Il libro raccoglie le testimonianze di... <em>Via Jervis, settembre 2018</em>

    La voce di Matera. Storie da La Martella

    Il 17 maggio 1953 Alcide De Gasperi inaugura a Matera il borgo La Martella, il progetto urbanistico promosso da Adriano Olivetti per risolvere l’emergenza dei Sassi, definita solo tre anni prima la “vergogna nazionale”. Il libro raccoglie le testimonianze di... Via Jervis, settembre 2018

    Continua...

  • Testimonianze su un'idea per il riscatto del Mezzogiorno. La storia di un progetto i cui risultati sono riconosciuti tra gli antefatti necessari al recente rinascimento di Matera, da “vergogna nazionale” a Capitale europea della Cultura nel 2019.<em>Via Jervis, maggio 2016</em>

    Matera e Adriano Olivetti

    Testimonianze su un'idea per il riscatto del Mezzogiorno. La storia di un progetto i cui risultati sono riconosciuti tra gli antefatti necessari al recente rinascimento di Matera, da “vergogna nazionale” a Capitale europea della Cultura nel 2019.Via Jervis, maggio 2016

    Continua...

  • Quattro itinerari d’autore con mappe, immagini d’epoca, documenti d’archivio, schede tecniche degli edifici. e poi ancora racconti, personaggi, aneddoti: tutto quello che serve per scoprire Adriano Olivetti e la sua città. E sentire le pietre cantare. <br><em>Fuori Collana, Dicembre 2016</em>

    Ivrea. Guida alla città di Adriano Olivetti

    Quattro itinerari d’autore con mappe, immagini d’epoca, documenti d’archivio, schede tecniche degli edifici. e poi ancora racconti, personaggi, aneddoti: tutto quello che serve per scoprire Adriano Olivetti e la sua città. E sentire le pietre cantare.
    Fuori Collana, Dicembre 2016

    Continua...

  • Tre testi con gli auguri di buone feste scritti da Adriano Olivetti in tre momenti particolari della storia della fabbrica di Ivrea. Nel primo l’imprenditore racconta i primi anni del dopoguerra per condividere il sollievo e l’orgoglio della compiuta ripresa dell’azienda dopo il fascismo e...<em>DNA, novembre 2017</em>

    Adriano Olivetti, Discorsi per il Natale

    Tre testi con gli auguri di buone feste scritti da Adriano Olivetti in tre momenti particolari della storia della fabbrica di Ivrea. Nel primo l’imprenditore racconta i primi anni del dopoguerra per condividere il sollievo e l’orgoglio della compiuta ripresa dell’azienda dopo il fascismo e...DNA, novembre 2017

    Continua...

  • Tra il 1930 e il 1960 si riunisce attorno ad Adriano Olivetti un gruppo di intellettuali dalla diversa formazione, spinto dall’urgenza di dare vita a una nuova disciplina urbanistica capace di governare, attraverso la progettazione, la costruzione di un paese più moderno e più... <em>Via Jervis, maggio 2018</em>

    Urbanistica e società civile

    Tra il 1930 e il 1960 si riunisce attorno ad Adriano Olivetti un gruppo di intellettuali dalla diversa formazione, spinto dall’urgenza di dare vita a una nuova disciplina urbanistica capace di governare, attraverso la progettazione, la costruzione di un paese più moderno e più... Via Jervis, maggio 2018

    Continua...

  • Non abbiamo bisogno di una politica tiepida e ingiusta ma di una politica che sia intensamente umana. C’è una coscienza collettiva nuova dove vive la sensazione che ingiustizie e condizioni d’insufficiente dignità non siano più tollerabili e che il diritto degli altri... <em>Humana Civilitas Nuova Serie, maggio 2018</em>

    Il fine è l’uomo

    Non abbiamo bisogno di una politica tiepida e ingiusta ma di una politica che sia intensamente umana. C’è una coscienza collettiva nuova dove vive la sensazione che ingiustizie e condizioni d’insufficiente dignità non siano più tollerabili e che il diritto degli altri... Humana Civilitas Nuova Serie, maggio 2018

    Continua...

  • Per dirsi civile la nostra società dovrebbe accettare la follia così come accetta la ragione. Qualcosa di nuovo è accaduto negli ultimi decenni, qualcosa di speciale che ha dato alla scienza in generale, e ad alcuni aspetti della psichiatria... <em>Humana Civilitas Nuova Serie, maggio 2018</em>

    Se l’impossibile diventa possibile

    Per dirsi civile la nostra società dovrebbe accettare la follia così come accetta la ragione. Qualcosa di nuovo è accaduto negli ultimi decenni, qualcosa di speciale che ha dato alla scienza in generale, e ad alcuni aspetti della psichiatria... Humana Civilitas Nuova Serie, maggio 2018

    Continua...

  • Tra il 1956 e il 1978 si colloca la straordinaria collaborazione tra la Olivetti e Carlo Scarpa, genio indiscusso dell’architettura del Novecento, collaborazione magnificamente rappresentata dal progetto capolavoro del Negozio di piazza San Marco a Venezia...<em>Via Jervis, Marzo 2018</em>

    Mia memore et devota gratitudine

    Tra il 1956 e il 1978 si colloca la straordinaria collaborazione tra la Olivetti e Carlo Scarpa, genio indiscusso dell’architettura del Novecento, collaborazione magnificamente rappresentata dal progetto capolavoro del Negozio di piazza San Marco a Venezia...Via Jervis, Marzo 2018

    Continua...

  • Le politiche del quotidiano sono quelle che ciascuno di noi mette in atto perseguendo i propri progetti di vita. Possono condurre verso nuove forme di solitudine connessa, oppure contribuire a creare comunità flessibili, aperte, inclusive e, per questo, socialmente sostenibili. Gli esempi riusciti di... <em>cheFare, marzo 2018</em>

    Politiche del quotidiano

    Le politiche del quotidiano sono quelle che ciascuno di noi mette in atto perseguendo i propri progetti di vita. Possono condurre verso nuove forme di solitudine connessa, oppure contribuire a creare comunità flessibili, aperte, inclusive e, per questo, socialmente sostenibili. Gli esempi riusciti di... cheFare, marzo 2018

    Continua...